Terapia della Gestalt

Secondo Perls vi sono personalità frammentate, consapevoli cioè solo di una parte di se stesse. A titolo di esempio possiamo riportare il caso di una donna che non si renda conto o non voglia accettare di agire talvolta esattamente come sua madre, o un uomo che non sappia o non voglia ammettere di desiderare talora di piangere come un bambino. Lo scopo della Terapia della Gestalt è quello di aiutare le persone a diventare un tutto, unico e completo, favorendo quindi il raggiungimento della consapevolezza delle proprie parti frammentate; la capacità di riconoscerle, servirsene e integrarle nel regolare le relazioni quotidiane. Questa integrazione permette alla persona di passare dalla dipendenza all'autosufficienza, dal bisogno di un aiuto esterno a un autentico sostegno interno. Tra i metodi usati dalla Terapia della Gestalt ritroviamo:

  • I role-playing
  • Tecnica della sedia calda, tecnica della sedia vuota
  • Lo Psicodramma (termine introdotto da Moreno nel 1919 che consiste nel far assumere al paziente identità diverse dalla loro affinchè vedessero i propri problemi da punti di vista differenti).

Grazie alla Terapia della Gestalt la persona raggiunge un insight sia emotivo che cognitivo (autoconsapevolezza, visione interiore).

Ultimi articoli su Terapia della Gestalt

Numero articoli etichettati con questa terapia: 5